Una rotonda.jpg
 
RONDÒ DEI TALENTI CUNEO DOS G ARQUITECTOS

RONDÒ DEI TALENTI I ENG

3rd PRIZE

ITALIAN COMPETITION FOR ARCHITECTS UNDER 40

Competition for the restyling of the facade, the refurbishment of the ground floor and the flat roof of a building located in Cuneo (Italy) in one of the main access gates to the city, owned by the CRC foundation of Cuneo to be used as the new headquarters of the "Città dei Talenti ”, a large space dedicated to school guidance for the age group 7-13 years old. 

 

From the critical reading of the existent it is shown how the building has its own expressive strength by virtue of its shape but lacks a clear and unique compositional approach precisely in the elevations (one linear and the other circular). In addition, the access shelter is, in our opinion, a totally foreign element, in shape and composition, to the rest of the building.

Our proposal envisages contrasting the closure of the building towards the context through the demolition of the external fence and conversion of the parking area into an equipped green area in communication with the square in front of the building's entrance. Therefore, a single large public space is proposed consisting of: entrance square, children's play area, rest areas for wayfarers, steps facing the entrance. This will be a meeting and exchange place for citizens and a highly stimulating context for future young users of the building.

On the main façade, considering the strong expressiveness of this due to the circular shape and the verticality generated by the skilful play of solids and voids, it is proposed to maintain this same composition and only the replacement of the current windows with curtain walls made with double glazing with gas inside for better thermal and acoustic insulation. For existing partitions in exposed concrete, it is only proposed to cover them with plant walls through which to significantly improve the energy performance of the existing envelope and help strengthen the expressiveness of the building. The green walls are intended as an extension and continuation of the green areas of the new public space surrounding the building and will therefore be a symbol of the integration of this with its context, of openness and permeability to the city. The new façade, in addition to increasing the quality of the urban space and improving the quality of the air in the area, aims to be an element of stimulus for future users of the City of Talents, which encourages playful activities and therefore complements the educational and social networks that will be installed and carried out inside the building. 

On the secondary façade it is proposed to replace the windows (horizontally) for a curtain wall with aluminum louvers that emphasize the verticality. 

For the roof slab we propose the creation of a light roof, made with aluminum pillars and beams, which acts as a pergola and on which the growth of vegetation is hoped to ensure a visual / perceptive connection between the appurtenant area, green facades and roof . The placement of glass with photovoltaic modules will contribute to energy savings. On the ground floor, a space marked by flexibility and adaptability to the various functions that the auctioneer intends to achieve is proposed.

 

70 Italian firms/professionals took part in the competition.

- texto en español

- testo in italiano (estratto)    - testo in italiano (completo)

- credits

GENIUS LOCI
1/1

RONDÒ DEI TALENTI I ESP

3er PREMIO

CONCURSO PARA ARQUITECTOS ITALIANOS UNDER 40

Concurso para el restyling exterior, la remodelación de la planta baja y la cubierta de un edificio ubicado en Cuneo (Italia) en una de las principales puertas de acceso a la ciudad, propiedad de la fundación CRC de Cuneo para ser utilizado como nueva sede de la "Città dei Talenti”, un gran espacio dedicado a la orientación escolar para el grupo de edad 7-13 años. A partir de una lectura crítica del existente se muestra cómo el edificio tiene su propia fuerza expresiva en virtud de su forma pero carece de un planteamiento compositivo claro y único precisamente en las fachadas (una lineal y otra circular). Además, la marquesina de acceso es, en nuestra opinión, un elemento totalmente ajeno, por forma y composición, al resto del edificio.

Nuestra propuesta contempla contrarrestar el cierre del edificio hacia el contexto mediante la demolición de la valla exterior y la conversión de la zona de aparcamiento en una zona verde servida en comunicación con la plaza frente a la entrada del edificio. Por lo tanto, se propone un único gran espacio público compuesto por: plaza de entrada, zona de juegos infantiles, zonas de descanso para los peatones, grada frente a la entrada. Este será un lugar de encuentro e intercambio de ciudadanos y un contexto muy estimulante para los futuros jóvenes usuarios del edificio.

En la fachada principal, dada la fuerte expresividad de esta por la forma circular y la verticalidad que genera el hábil juego de sólidos y vacíos, se propone mantener esta misma composición y proponer la sustitución de las ventanas actuales por muros cortina fabricado con doble vidrio con gas en el interior para un mejor aislamiento térmico y acústico. Para los tabiques de hormigón visto existentes, solo se propone revestirlos con muros vegetales a través de los cuales mejorar significativamente el rendimiento energético de la envolvente existente y ayudar a reforzar la expresividad del edificio. Los muros verdes pretenden ser una extensión y continuación de las áreas verdes del nuevo espacio público que rodea el edificio y, por ende, serán un símbolo de la integración de éste con su contexto, de apertura y permeabilidad a la ciudad. La nueva fachada, además de incrementar la calidad del espacio urbano y mejorar la calidad del aire en la zona, pretende ser un elemento de estímulo para los futuros usuarios de la Ciudad de los Talentos, que fomenta las actividades lúdicas y por tanto complementa la didáctica que se llevará a cabo en el interior del edificio. 

En la fachada secundaria se propone sustituir las ventanas (fascias horizontales) por un muro cortina con lamas de aluminio parasoles de aluminio que enfatizan la verticalidad. 

Para la losa de cubierta se propone la realización de una cubierta liviana, realizada con pilares y vigas de aluminio, que actúa como pérgola y sobre la cual se espera el crecimiento de la vegetación para asegurar una conexión visual / perceptiva entre la zona de pertinencia, la fachada verde y la cubierta. La colocación de vidrio con módulos fotovoltaicos contribuirá al ahorro energético. 

En la planta baja el diseño de interior prevé un espacio marcado por la flexibilidad y adaptabilidad a las distintas funciones que el cliente pretende implementar.

 

Al concurso han participado 70 despachos/professionales italianos.

RONDÒ DEI TALENTI I ITA (estratto)

3º CLASSIFICATO

CONCORSO PER ARCHITETTI UNDER 40

Concorso per il restyling esterno, la rifunzionalizzazione del piano terreno e del lastrico solare di un edificio sito in Cuneo (Italia) in una delle principali porte di accesso alla città, di proprietà della fondazione CRC di Cuneo da adibire alla nuova sede della “Città dei Talenti”, un grande spazio dedicato all’orientamento scolastico per la fascia 7-13 anni.

Dalla lettura critica dell’esistente si denota come l’edificio abbia una propria forza espressiva in virtù della sua forma ma sia carente di un chiaro ed univoco approccio compositivo proprio nei prospetti (lineare uno e circolare l’altro). Inoltre la pensilina di accesso è, a nostro avviso, un elemento totalmente estraneo, nella forma e nella composizione, al resto dell’edificio.

La nostra proposta prevede di contrastare la chiusura dell’edificio verso il contesto attreverso la demolizione la recinzione esterna e conversione dell’area destinata a parcheggio in un’area a verde attrezzato in comunicazione con il piazzale antistante l’entrata dell’edificio. Si propone pertanto un unico grande spazio pubblico composta da: Piazza d’ingresso, area gioco per bambini, aree di sosta per i viandanti, gradonata prospicente l’entrata. Questo sarà un luogo di incontro e di scambio per i cittadini ed un contesto altamente stimolante per i futuri giovani utenti dell’edificio.

Sulla facciata principale, data la forte espressività  di questo prospetto dovuta alla forma circolare ed alla verticalità generata dal sapiente gioco di pieni e di vuoti, si propone di mantenere questa stessa composizione e di proporre la sostituzione dei serramenti attuali con facciate continue realizzate con vetri camera con gas all'interno per un migliore isolamento termico e acustico. Per i setti esistenti in cemento faccia vista, si propone solo di rivestirli con pareti vegetali attraverso le quali migliorare significativamente le prestazioni energetiche dell’involucro esistente e contribuire a rafforzare l’espressività  dell’edificio. Le pareti vegetali sono intese come una estensione e continuazione delle aree verdi del nuovo spazio pubblico circostante l’edifico e saranno quindi un simbolo dell’integrazione di questo con il suo contesto, dell’apertura e permeabilità  alla città . La nuova facciata, oltre ad aumentare la qualità  dello spazio urbano e a migliorare la qualità  dell’aria nella zona, vuole essere un elemento di stimolo per i futuri usuari della Città  dei Talenti, che incentivi le attività  ludiche e che quindi complementi le funzioni didattiche e sociali che si installeranno e svolgeranno all’interno dell’edificio. 

Sulla facciata secondaria si propone la sostituzione degli infissi (ad andamento orizzontale) per una facciata continua con lamelle di alluminio frangisole in alluminio che enfatizzino la verticalità. 

Per il solaio di copertura si propone la realizzazione di una copertura leggera, realizzata mediante pilastri e travi in aluminio, che funga da pergola e sulla quale si auspica la crescita di vegetazione per garantire un collegamento visivo/percettivo tra area pertinenziale, facciate verdi e copertura. La collocazione di vetri con moduli fotovoltaici contribuirà  al risparmio energetico. 

Al piano terra, il progetto d’interni propone uno spazio improntato alla flessibilità  ed all’adattabilità  alle varie funzioni che l’ente banditore intende realizzare. 

 

Al concorso hanno partecipato 70 studi/professionisti italiani.

CREDITS

Concept  

dos G arquitectos, Ginnette Gotti and Ivan Grippaldi

3d artist 

Igor Grippaldi

Organized  

Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) I Ordine degli architetti, P.P.C. della prov. di Cuneo

Location

Cuneo, Italy

Year  

2019 

 
 
 

RONDÒ DEI TALENTI I ITA (RELAZIONE DI CONCORSO)

3º CLASSIFICATO

CONCORSO PER ARCHITETTI UNDER 40

LETTURA CRITICA DELL’ESISTENTE

L’edificio ha una propria forza espressiva ed è un soggetto (ma anche un oggetto) autonomo, in rapporto dialettico di forte contrasto con il contesto. Si considera che questa forte espressività gli sia conferita proprio dalla sua forma semicircolare, contrapposta alla trama urbana, e dall’alternanza, ritmica, del pieno e del vuoto della facciata semicircolare che realizzano un affascinante gioco di verticalità. Questa verticalità risulta molto interessante quale elemento compositivo che tende a proporzionare la relazione larghezza-altezza evitando come risultato un oggetto tozzo a favore invece di un disegno che cerca di “snellire” l’edificio slanciandolo verso l’alto, totalmente contrastata dall’orizzontalità dell’altro prospetto, quello su Via degli Angeli. Si deduce quindi la mancanza di un chiaro ed univoco approccio compositivo su queste facciate, sia per quanto riguarda la forma (lineare una e circolare l’altra) sia per quanto riguarda la composizione architettonica. Altro elemento incongruente, poiché totalmente estraneo nella forma e nella composizione al resto dell’edificio, è la pensilina scalettata in c.a. con pilastri e travi in profilati metallici che segna l’ingresso al piano terra. Nonostante quanto sopra descritto, si ritiene che l’edificio, in generale, abbia già una sua rappresentatività e riconoscibilità; spetta solo, con la proposta progettuale, enfatizzarla e reinterpretarla con un linguaggio contemporaneo.

PROGETTO

PERTINENZE ESTERNE

Per contrastare la chiusura dell’edificio verso il contesto, si propone di demolire la recinzione esterna e di convertire l’area destinata a parcheggio in un’area a verde attrezzato in comunicazione con il piazzale antistante l’entrata dell’edificio. Si propone pertanto un unico grande spazio pubblico composta da: Piazza d’ingresso all’edificio, area gioco per bambini, aree di sosta per i viandanti, gradonata prospicente l’entrata all’edificio. Questo sarà un luogo di incontro e di scambio per i cittadini ed un contesto altamente stimolante per i futuri giovani utenti dell’edificio.

PROSPETTO SU VIA LUIGI GALLO

Data la forte espressività di questo prospetto dovuta alla forma circolare ed alla verticalità generata dal sapiente gioco di pieni e di vuoti, si è scelto di mantenere questa stessa composizione e di proporre la sostituzione dei serramenti attuali con facciate continue realizzate con vetri camera con gas all'interno per un migliore isolamento termico e acustico. Le ante apribili saranno a scomparsa con apertura a sporgere. Per i setti esistenti in cemento faccia vista, si propone solo di “rivestirli” con pareti vegetali. Questa scelta è motivata dal voler contribuire, in un certo senso, al rispristino dello stato di fatto originale, un ritorno a quello che era una volta questo lotto prima dell’edificazione, voluta dal Giordana, una zona vincolata a pubblici giardini, quindi un ambiente prevalentemente permeabile e naturale. Nella relazione storica del Prof. Albanese si fa riferimento a come si fosse inserito <<un moderno manufatto architettonico in un ambiente vegetale>>.

Si propone quindi l’esatto contrario, inserire un ambiente vegetale in un manufatto architettonico. Le pareti verdi saranno realizzate mediante moduli di plastica riciclata che saranno fissati ad una retro struttura in acciaio ancorata ai setti esistenti e che conterranno al loro interno il substrato di coltivazione e le varie specie vegetali. L’intercapedine che si genera tra il setto esistente ed i moduli contenitori, favorirà la ventilazionenaturale, eviterà eventuali filtrazioni e servirà anche per la collocazione dei tubi del sistema di irrigazione con micro gocciolamento controllato e automatizzato.

 

La presenza della vegetazione e dell’intercapedine, migliorerà, inoltre, significativamente le prestazioni energetiche dell’involucro esistente, contribuirà a rafforzare l’espressività dell’edificio e gli conferirà quella rappresentatività e riconoscibilità che auspica la committenza.

Le pareti vegetali sono intese come una estensione e continuazione delle aree verdi del nuovo spazio pubblico circostante l’edifico e saranno quindi un simbolo dell’integrazione dell’edificio con il suo contesto, dell’apertura e permeabilità alla città. La nuova facciata, oltre ad aumentare la qualità dello spazio urbano e a migliorare la qualità dell’aria nella zona, vuole essere un elemento di stimolo per i futuri usuari della Città dei Talenti, che incentivi le attività ludiche e che quindi complementi le funzioni didattiche e sociali che si installeranno e svolgeranno all’interno dell’edificio.

PROSPETTO SU VIA DEGLI ANGELI

Questa facciata si presenta anonimamente e chiusa alla città ed al contesto urbano. Inoltre, è improntata sull’orizzontalità compositiva, a differenza, e quindi in forte contrasto, con la facciata semi circolare. Si propone quindi la sostituzione degli infissi esistenti e la collocazione di una nuova facciata continua realizzata come la precedentemente descritta ma con la variante dell'inserimento di lamelle di alluminio frangisole in alluminio di color grigio antracite che enfatizzino la verticalità.

I vetri saranno chiari con un grado di riflessione che consenta una certa trasparenza verso l’interno ma che allo stesso tempo permetta di riflettere su di essi gli alberi che circondano la zona, facendo così da complemento alla vegetazione presente nell’altro prospetto, in un continuum percettivo di naturalezza. In questo stesso prospetto si propone la demolizione della pensilina scalettata in c.a. dell’ingresso al piano terra e la realizzazione di una nuova struttura metallica realizzata in alluminio, sostenuta da pilastri dello stesso materiale ed a sezione circolare, che funga da pergola e sulla quale possano crescere le piante rampicanti in modo da avere continuità con il verde presente nell’altro prospetto.

LASTRICO SOLARE

Si propone la realizzazione di una copertura leggera, realizzata mediante pilastri e travi in aluminio, che funga da pergola e sulla quale si auspica la crescita di vegetazione per garantire un collegamento visivo/percettivo tra area pertinenziale, facciate verdi e copertura. La collocazione di vetri con moduli fotovoltaici contribuirà al risparmio energetico.

Questa copertura consentirà di delimitare uno spazio che si presenterà diafano, senza pareti, quasi un percorso, che condurrà ad una stanza a cielo aperto che altro non è se non la continuazione del volume circolare del corpo scala che, esposto al piano terra, si incorpora all’interno dell’edificio per poi uscire fuori in copertura.

PIANO TERRENO

Si propone uno spazio improntato alla flessibilità ed all’adattabilità alle varie funzioni che l’ente banditore intende realizzare, pertanto, si è progettato un atrio centrale con reception e spazio di attesa con sedute, dal quale si accede, attraverso due corridoi illuminati con luce naturale, ai corpi scala. Il resto dello spazio è stato lasciato a pianta libera, con la sola collocazione, in posizione centrale, in modo da poter essere accessibile tanto dall’atrio d’ingresso come dall’area espositiva, di un volume contenitore, all’interno del quale trovano spazio i servizi igienici e dei ripostigli. L’area espositiva può essere divisa, qualora si presentasse l’occasione o la necessità, in due sale che hanno accessi e possono funzionare in forma indipendente l’una dall’altra.